I testimoni sono generalmente quattro, due per la sposa e due per lo sposo; si scelgono o tra i parenti più cari, a cui un affetto particolare ci ha legato, per esperienze di vita o per affinità elettiva, o tra gli amici di famiglia più rappresentativi.

Ricordate però che alcune persone, a voi legate da un grandissimo affetto, potrebbero, in quella circostanza, essere troppo toccate dall’evento per ricoprire con la disinvoltura necessaria un ruolo ufficiale, che li obbligherebbe a celare la loro emozione per essere adeguati alla situazione.

Se sapete di un caro parente, magari anziano, sarà visibilmente scosso per tutta la durata della cerimonia non infliggetegli il ruolo di testimone: sarebbe un supplizio; potrete in mille altri modi, prima, dopo e durante la cerimonia, comunicargli tutta la vostra solidarietà, ve ne sarà certamente più grato. Come ogni cosa, anche la scelta dei testimoni deve essere fatta con estrema sensibilità, cercando di non offendere le aspettative di nessuno, e tenendo conto della personalità di ciascuno, delle nostre esigenze e di ciò che la circostanza richiede.

Ci raccontate come avete scelto i vostri testimoni? Cosa vi lega a loro?


Questa voce è stata pubblicata in cerimonia, documenti e testimoni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.