Corre l’anno 2013 e alcuni dicono che il peggio è passato e che da quest’anno il trend negativo degli ultimi anni dovrebbe invertirsi e la luce dovrebbe spuntare alla fine del tunnel. Ma se per quanto riguarda l’economia in generale l’auspicio trova qualche riscontro non possiamo dire la stessa cosa sul trend negativo dei matrimoni negli ultimi 20 anni.

Secondo gli ultimi dati forniti dall’Istat il numero totale di matrimoni nel 2011 è stato di 204.830. Seguendo il trend dall’inizio della crisi si può stimare che il dato per il 2012 si aggira intorno ai 200mila, un calo del 20% in 5 anni. Proseguendo così, e volendo essere catastrofici, gli Articolo 31 avrebbero potuto aggiungere al testo della canzone 2030 che in quell’anno si celebreranno gli ultimi matrimoni in Italia.

Fortunatamente per noi appassionati di questi eventi meravigliosi il giorno del matrimonio rimane un sogno costante nella mente di chi si innamora seriamente e questo ci consente di rinnovare la nostra speranza in questa magnifica istituzione.

Una cosa però è il matrimonio IN crisi e un’altra è il matrimonio NELLA crisi. Mentre la crisi economica costringe alcuni a dover rimandare il proprio matrimonio cosa fanno quelli che invece riescono a raggiungere il traguardo?

Negli ultimi tre anni ne abbiamo visto di tutti i colori.

Noi di Viacolvelo siamo stati tra i primi a evidenziare la necessità di dover cambiare un po mentalità su come viene visto il giorno del matrimonio ideale ma siamo rimasti positivamente colpiti da come molti hanno affrontato questa sfida così adesso riassumiamo come le giovani coppie stanno sfidando tradizioni e cultura per battere la crisi:

 

Voi cosa avete fatto o pensate di fare?


Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.